Vinyasa Flow Yoga

Vinyasa Flow Yoga

Vinyasa è un termine sanscrito che, come tante parole di questa lingua, ha
molteplici significati. La sua traduzione letterale può essere “posizionare in un modo speciale” e una sua prima definizione descrive il Vinyasa come il collegamento tra movimento del corpo e respiro. Come elemento della pratica dello yoga, Vinyasa è una sequenza di movimenti coordinati al respiro cheaiutano la transizione da una posizione alla successiva. Il respiro nel suo flusso continuo (da qui il nome “flow”) è il cuore di questa disciplina e collega ogni posizione in un ordine preciso.

Fondato in tempi recenti da  Krishnamacharya, uno dei più influenti maestri del ventesimo secolo, è uno yoga dinamico ed armonioso che utilizza prevalentemente un respiro vittorioso nelle fasi più potenti e veloci ed un respiro rilassato e lungo nelle fasi più lente ed isometriche.
A differenza di Ashtanga, questo stile di yoga non segue uno schema fisso
ma ogni singola lezione può esplorare infinite combinazioni di posizioni. Quasi come in una danza, i movimenti si legano l’un l’altro fino alla fine della sessione, rendendo le lezioni sempre diverse tra loro.
La continuità di una respirazione profonda consente al respiro di nutrire l'azione, all'azione di nutrire la posizione ed alla mente di liberarsi attraverso la concentrazione così ogni movimento diventa gentile, preciso, potente e stabile.
Il respiro rappresenta l'atto più vitale e fondamentale per mantenere l'essenza divina che è in ognuno di noi.
I Maestri antichi dicevano: “Ovunque guardi è Dio, Dio è in ogni cosa!”.

 

Benefici e a chi è consigliato

Lavorando con l’allineamento del corpo, rispettandone le linee naturali, aiuta al raggiungimento di una corretta postura, migliora coordinazione, agilità, forza, resistenza, flessibilità ed equilibrio.
Proprio per il fatto che le posizioni vengono eseguite coordinando movimento e respiro, Vinyasa rende più facile mantenere l’attenzione sul momento presente con tutti i benefici fisici e mentali che questo comporta (innanzitutto una riduzione dello stress).
Mi sento di consigliare questo stile di yoga a chi abbia già una base (come
Hatha) e sia sufficientemente indulgente con se stesso per la pazienza necessaria a raggiungere una certa fluidità.

I commenti sono chiusi